Come sarà il carrello elevatore del futuro?

News dal mondo della logistica

Come sarà il carrello elevatore del futuro?

Un prodotto disegnato con ingegnosità, con molti spunti sorprendenti, radicali nella tecnologia di progettazione.

Questo prototipo vuole spingersi oltre i confini del materials handling, pur restando fedele alla filosofia Doosan che propone prodotti semplici, potenti e di grandi prestazioni.

Creato dai super premiati tecnologi del Centro di Design Industriale del âDoosan Institute of Technologyâ, secondo i responsabili del programma lâIntelligent Concept Forklift (ICF) rappresenta un progetto innovativo, che incorpora efficienza e intelligenza e intende fornire una combinazione dinamica di massima usabilità e operatività, comprendendo soluzioni efficienti, sicure e rispettose dellâambiente.

Tra le innovazioni sono incluse la posizione variabile del posto guida e le speciali proprietà del montante di sollevamento e del treno di potenza. La Doosan è già uno dei leader mondiali nella tecnologia OLED (diodi organici a emissione luminosa) e lâICF dimostra come la società potrebbe in futuro incorporare sistemi di Realtà Aumentata in un display a sovraimpressione, proiettati direttamente sul parabrezza del carrello.

Un esclusivo sistema di gestione delle operazioni consentirà al conducente di acquisire dal display informazioni riguardo al carico da movimentare, i percorsi e i processi di lavoro ottimali, per massimizzare i targets di produttività. Un contrappeso estensibile consentirà di aumentare la capacità di carico e la stabilità e di contenere al minimo il raggio di sterzata e le dimensioni dei corridoi di stivaggio.

LâICF sarà a trazione elettrica, per ridurre emissioni, rumorosità e costi del combustibile, in accordo con tutti i futuri standard internazionali. Batterie ricaricabili ad alta efficienza consentiranno la ricarica rapida e offriranno maggiore autonomia e produttività.

âCon il costante progredire delle tecnologie, è importante guardare al futuro e sviluppare nuovi prodotti e nuovi concetti, pur nel rispetto dei valori fondamentali della Doosan,â dichiara Young Lee, team leader dellâufficio Marketing Export della Doosan.

Diversamente da altre società, desiderose di ostentare le loro credenziali nellâinnovazione, la Doosan tende a minimizzare quelli che sono gli aspetti radicali alla base della progettazione dellâICF e a sottolineare invece lo sforzo dei propri designers di aggiungere contenuti e miglioramenti pratici e pragmatici al carrello elevatore.

Sedili orientabili, motori a trazione diretta nei mozzi ruota, motori lineari e cristalli fotocromatici: queste tecnologie troveranno realmente applicazione sui carrelli elevatori del futuro? âSe il mercato lo richiede, queste innovazioni entreranno a far parte dei nostri futuri modelli,â prosegue Mr. Young Lee, âper esempio le forche ripiegabili. Le tecnologie e le capacità progettuali già sono disponibili, come le fotocamere e i sensori montati sui montanti e sulle forche. Prima di adottare nuove soluzioni, dobbiamo però dimostrarne la necessità e i possibili benefici, per confermare che i cambiamenti siano realmente utiliâ.

La prototipazione rapida, detta anche stampa tridimensionale, può diventare un elemento importante per i costruttori dei carrelli del futuro.
La tecnologia che già oggi è a nostra disposizione consente di riprodurre un modello del cuore umano âstampandoloâ efficacemente in tre dimensioni. In futuro la necessità di mantenere stock di componenti costosi oppure di utilizzo occasionale potrebbe diventare meno importante.

âLe nuove tecnologie possono liberare dai vincoli attuali i processi di progettazioneâ continua Young Lee, âcome pure offrire nuove elettrizzanti strade, applicabili ai prodotti già esistenti. Il vero arbitro sarà lâutilizzatore dei carrelli. Se i clienti vorranno le nuove tecnologie, senza dubbio saranno introdotte.â

Eâ unâavvincente sbirciata sul futuro dei carrelli elevatori, vedere come la Doosan già lavori per aprire una moltitudine di nuove tecnologie per i suoi clienti.

Conclude Young Lee: âAnche se non vedremo presto lâICF al lavoro nei magazzini, ci possono essere alcuni elementi che speriamo di poter incorporare nelle nostre prossime generazioni di carrelli. Certamente non corriamo il rischio di sbagliare se sapremo proporre nuove e più efficienti soluzioni, che consentano di aumentare il valore contenuto nei nostri prodotti e rendere il lavoro più facile ai carrellisti e alle società clienti, attraverso le nuove tecnologie.â


Torna alle news
Chiedi su WhatsApp